martedì 30 luglio 2013

Festa di compleanno: succhi di frutta genuini

Sto organizzando la seconda festa di compleanno del Gremlin. L'anno scorso abbiamo affittato un posto dove c'erano gonfiabili e giochi per i più grandi che il mio piccolo ha apprezzato solo in parte. Quest anno invece lo festeggeremo in terrazza al mare e il tema sarà Barbapapà!
Ho deciso di fare tutto cercando di risparmiare e proponendo solo prodotti genuini e fatti da me.
Pubblicherò diversi post con tutte le idee che sto utilizzando così magari potrò essere di aiuto ad altre mamme che vogliono cimentarsi in una festa di compleanno casalinga, sana e divertente!
Iniziamo con le bevande: succo di frutta fatto in casa.

Ingredienti:
1 litro di acqua
2 mele
1 banana
100 gr di zucchero
succo di mezzo limone

Procedimento:
Far bollire l'acqua e lo zucchero fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto, versare nella pentola la mela e la banana pulite e fatte a pezzi e il succo di limone (consiglio di filtrarlo con un colino). Far sobbollire per tre minuti. Frullare con il minipimer. Attendere che si raffreddi e conservarlo in frigorifero (dura circa due o tre giorni).
E' buonissimo e facilissimo!

(Ringrazio il gruppo Le (eco)nome che mi ha suggerito questa meraviglia.

venerdì 26 luglio 2013

Segnalibri mostruosi

Se devo scegliere dei regali da fare a dei bambini cerco sempre di scegliere dei buoni libri. Per tanti motivi. Mi piace leggere, mi piace che i bambini imparino da subito ad apprezzare il gusto della lettura, cerco di essere sempre aggiornata sull'argomento (anche per lavoro!) e poi mi piace sfogliare la carta e sentirne il profumo.
Questa volta per rendere anche divertente la lettura ho corredato il mio regalo con dei segnalibri...mostruosi hand made.


 

Farli è semplicissimo, basta avere carta colorata, colla stick e forbici e ovviamente tanta fantasia. Seguite le istruzioni in questo sito, anche se sono in inglese le foto spiegano perfettamente come realizzare i vostri segnalibri da brrrrrivido!

mercoledì 24 luglio 2013

Niente trucchi con l'Adsl

Sarò mamma, mezza blogger ma sono soprattutto fruitrice della rete. E spesso è lenta. Lentissima. Chiami il gestore e ti garantisce (con una serie di sigle) che tutto è perfetto e che chissà come mai non navigo veloce come vorrei (dovrei).

 
Video breve e istruttivo per capire come funziona misurainternet.it


Per fortuna, cari interauti, adesso c'è un servizio certificato che permette di dichiarare in maniera ufficiale la velocità di connessione (in download e upload) in modo che l'utente possa anche rivalersi e recidere il contratto qualora la velocità non fosse adeguata al tipo di contratto stipulato.
Si chiama Misura Internet.

Per farla breve: fate il test, stampate il pdf, se è negativo chiamate il vostro gestore e...cazziatelo!!

lunedì 22 luglio 2013

Le notizie Bio che non avresti MAI voluto sapere

Come sapete da quando nella mia vita è arrivato il Gremlin mi dedico (per quanto posso e quanto riesco) all'autoproduzione, all'uso di prodotti biologici scoprendo cose di cui primo sconoscevo l'esistenza. Così leggendo qua e là mi sono spesso imbattuta in siti blog e affini forse troppo "integralisti" per me. Non sbagliati, attenzione, ma ci sono cose che davvero non riesco a concepire.


Ecco a voi le 5 notizie "Bio" che avrei preferito non sapere:



  1. Visto che non tutti hanno la fortuna di vivere in campagna, come fare per riprodurre un ambiente salubre e bucolico anche in città? Semplice basta creare un orto in balcone! Ma volete accontentarvi solo del basilico, della menta, delle cipolle e della rughetta? Troppo facile! Se davvero avete un animo così rurale è giunta l'ora di allevare le coccinelle in balcone.
  2. Vostro figlio ha scoperto che i fori del naso sono della misura perfetta per infilarci le dita e scoprire tesori nascosti? Non rimproveratelo perchè da una ricerca condotta in Canada (che poi come avranno fatto a sperimentare non voglio nemmeno saperlo...), le caccole fanno bene!
  3. Vi ricordate il paffuto e baffuto Mario Super Bross che ci ha fatto divertire e incantare da piccoli quando per la prima volta prendevamo in mano una console Nintendo. Mi dispiace ammazzarvi un mito ma sappiate che avete giocato con delle console "insanguinate". I sogni prima o poi svaniscono tutti.
  4. Quella macchia di grasso non va via dalla vostra maglietta preferita? Non volete usare prodotti chimici con chissà quali schifezze dentro. Bene e allora ho la soluzione per voi si chiama sapone di bile. E bile non è un acronimo è proprio B-I-L-E (bovina per essere precisi) .
  5. Avete presente quella tosse fastidiosa che non va via e colpisce soprattutto i piccoli Gremlin di notte trasformando il vostro sonno tranquillo in un vago ricordo. La soluzione esiste, si chiama sciroppo e allevia la fastidiosa tosse. Magari però omettete di dire ai piccoli ignari che si tratta di bava di lumaca...

Spero di avervi strappato un sorriso.

giovedì 11 luglio 2013

Prima o poi si indovina...

Ho capito, i pediatri sono come i veterinari. Non potendo ben comunicare con il loro paziente intuiscono. A volte indovinano (se sono bravi o fortunati) a volte no (se sono scarsi o sfortunati). Generalmente le malattie atroci/mortali le riconoscono (spero!) le altre sono "fuffa". Insomma se hai una febbre prima o poi passerà con o senza antibiotico.
Ho scoperto quindi che esistono alcune cose che sono lo standard delle diagnosi.
Se il bambino piange o sta male da 0-3 mesi sono COLICHE.
Se il bambino piange o sta male da 4-18 mesi sono sicuramente DENTI.
Se il bambino piange o sta male fino ai due anni è SESTA MALATTIA.



Sono in questo step di crescita ma sto morendo di curiosità: cosa c'è da 24-a 36 mesi?

martedì 9 luglio 2013

Lattuga a volontà

La mia adorabile vicina che ha una casa in campagna con un enorme terreno ci delizia con i frutti del suo orto. Questa settimana mi ha regalato tre e dico T-R-E mega lattughe. Erano buonissime dentro, inerpicata tra le foglie ho anche trovato una coccinella che ha affascinato il Gremlin (al quale ho subito comprato Bella Coccinella), solo che erano troppe! Insomma mangia insalata oggi mangia insalata domani alla fine non ne potevamo più. Così ho scoperto che potevamo facilmente "sbarazzarcene" cuocendola come si cuociono gli spinaci: saltati in padella.
Ho messo sul wok olio e uno spicchio d'aglio e poi ho tagliato la lattuga (tutta quella che avevo!) e l'ho messa dentro coprendo il tutto con un coperchio e cuocendo a fuoco bassissimo fino a quando non si è ammosciata un po'. Poi l'ho mescolata e salata, ricoperta e cotta ancora per qualche minuto. Appena avrà ridotto il suo volume di circa 1/3, eliminate l'aglio e frullate molto grossolanamente con il minipimer. Nel frattempo forno caldo a 200°, pasta brisè in teglia, forellatela con i rebbi della forchetta e ricoprite con la verdura che avete appena cotto, due uova sbattute con un po' di latte e parmigiano e un po' di pancetta dolce. Spolverate ancora con un po' di parmigiano e via in forno.


c'è un ladro nei paraggi....
Il risultato è stato ottimo e anche i "ladri" hanno gradito

p.s. ci ho fatto anche il condimento della pasta: ho frullato di più la lattuga in modo da ottenere una crema densa, l'ho rimesso sul fuoco con qualche pinolo e concentrato di pomodoro e allungato con un po' d'acqua.

mercoledì 3 luglio 2013

Miele: buono e bravo

Al Gremlin il miele piace. Non è un golosone di dolci, anzi. Ma il miele gli piace proprio. Lo usiamo spesso d'inverno contro la tosse o contro il raffreddore o semplicemente a merenda spalmato sul pane. Anche a me piace molto e piace il fatto che è anche un alimento sano che fa bene. Ho scoperto che esiste un miele chiamato Miele di Manuka che proviene dalla Nuova Zelanda che ha delle proprietà antibatteriche molto potenti. Volevate che mi lasciassi sfuggire questa cosa? Ebbene, 250 gr di Miele di Manuka li ho comprati a "soli" 39 Euro. Anzi lo ha comprato il CapoBranco che ancora oggi me lo rinfaccia.
Ok è caro, ma se fa bene, addirittura viene chiamato "antibiotico naturale"...



Un giorno però la mia amica Annalisa (la creatrice del blog "Forchettina Saporita") mi ha fatto notare che girava voce su internet di una ricerca fatta dall'Università di Roma che metteva a paragone i vari mieli italiani con quello di Manuka rivelando che anche altri mieli erano ugualmente efficaci se non di più.

Naturalmente ho contattato il professor Roberto La Vecchia che mi ha spiegato un bel po' di cose e mi ha messo in contatto con la dottoressa Marina Panozzo della Rigoni di Asiago l'azienda di prodotti biologici con la quale hanno collaborato per effettuare la ricerca. La dottoressa ha così risposto alle mie domande confermando che il miele di Manuka può tranquillamente essere sostituito con i più economici e nostrani mieli e in particolare mi ha segnalato il miele di Timo, il miele di Eucalipto, la melata di abete e la melata metcalfa (cioè il miele di bosco).

Ha precisato inoltre due aspetti importantissimi:

  1. Non dare mai il miele a bambini di età inferiore a 1 anno
  2. Provare con piccoli assaggi perchè questi mieli hanno dei gusti più decisi che potrebbero non piacere, all'inizio ai bambini.
E' stata gentile e precisa e la ringrazio per avermi "illuminata"!

Per l'inverno non spenderò più un capitale in miele e farò scorta delle varietà nostrane buone ed economiche.


☼ STAY TUNED ☼
Prossimamente nuovi aggiornamenti sull'argomento



(NB: questo non è un articolo scritto a scopo promozionale ma informativo. La dott.ssa è state gentile, l'azienda per la quale lavora ha collaborato con l'Università di Roma e le informazioni che mi ha dato poggiano su basi scientifiche.)

lunedì 1 luglio 2013

Protezione solare baby

Finalmente ho trovato una protezione solare per il Gremlin perfetta! Ha un ottimo profumo, si spalma benissimo (non sembra calcestruzzo rappreso) è fluida ma non liquida e si assorbe in un attimo.
Si tratta del Latte Solare alla Carota, alta protezione, delle Fitocose.



L'abbiamo provata con una esposizione al sole siciliano di parecchie ore e il Gremlin sfoggia un colore dorato della pelle senza bruciature e senza rossori.
Se volete un consiglio prendetelo, ha anche un INCI perfetto e non costa troppo.